Follow by Email

domenica 2 febbraio 2014

Ciao Pa

                                                Ciao Pa, l'ultima foto con le tue amate api.
                                                       E' già un mese che sei in cielo.
                       Sei la stella del nostro apiario  Brillerai sempre nei nostri cuori.

Propoli

Attraverso l'alveare
l'intero cosmo entra
nell'uomo
rendendolo forte
e capace.
                                                         Rudolf Steiner

LA Propoli: 
Osservata da vicino la propoli si presenta come una sostanza resinosa di colore marrone (può andare dal giallo chiaro fino al nero), con un profumo di spezie e resine balsamiche, il sapore è amaro e pungente. La consistenza varia con la temperatura: plasmabile ed appiccicosa a 30°C friabile a basse temperature. Punto di fusione 60 - 70°C. Non si può dare una precisa composizione chimica alla propoli in quanto varia a seconda dalla zona di raccolta.

Osservata da vicino la propoli si presenta come una sostanza resinosa di colore marrone (può andare dal giallo chiaro fino al nero), con un profumo di spezie e resine balsamiche, il sapore è amaro e pungente. La consistenza varia con la temperatura: plasmabile ed appiccicosa a 30°C friabile a basse temperature. Punto di fusione 60 - 70°C. Non si può dare una precisa composizione chimica alla propoli in quanto varia a seconda dalla zona di raccolta.
Propoli grezza
Si può ipotizzare , però, una composizione indicativa che potrebbe andare bene per tutte le varietà di propoli, cioè che tiene conto di quei componenti principali che si sono ritrovati nelle analisi e studi fatti in diverse parti del mondo.

Propoli in polvere
 
Composizione indicativa:

• 40 - 60% resine balsami (resine molli);

• 20 - 30% cera d'api, cere vegetali, olii fissi ;
• 3 - 7% olii essenziali altre sostanze volatili;

• 3 - 7% pollini zuccheri;

• 5 - 15% sostanze organiche diverse (minerali, legno, acqua, varie).

I Principi Attivi, di varia natura, sono distribuiti in modo molto eterogeneo in tutte le frazioni e rappresentano il 10 - 20% sul totale. Una composizione così varia ci lascia immaginare che sono presenti molte interessanti sostanze. Noi analizzeremo solo le più interessanti.

La parte più studiata è sicuramente quella dei polifenoli o flavonoidi (flavonoidi, fenolacidi e loro esteri, alcoli e aldeidi con nucleo aromatico). Ecco i più conosciuti: crisina, galangina e quercitina. Si sono riscontrate anche altre sostanze interessanti come composti fenolici, cumarine e terpeni.

....Ad alcuni maestri del settore apistico, quando gli si rivolge la fatidica domanda " scusa ma quale la tua ricetta per la propoli analcolica" rispondono, anzi non rispondono affatto, gelosi chissa di quale segreto di stato.
molti amici in questo periodo mi hanno chiesto  come poter dare la propoli ai loro figli in modo meno invasivo cioe  con un po' meno di alcol.

Tutti noi sappiamo  quale la ricetta di diluizione della propoli grezza  con alcool (tipo da dolci bongusto 95/98%)   generalmente si effettua la  macerazione del 30% di prodotto grezzo in alcool e dopo circa 40 giorni  si puo' filtrare e poi......

 Io per somministrarla ai iei figli  nel momento in cui ne hanno avuto bisogno ho fatto cosi :
. in parti uguali miscelo (es. 33% di tintura madre (classica propoli alcolica) 33% di  miele e 33% di glicerina di ammalgama il tutto e  la do' ai ragazzi.

La glicerina serve a  far emulsionare la propoli con il miele.

Ecco svelato il segreto di PULCINELLA, spero non me nè abbiano i tanti  "Maestri"  cultori  del Dio danaro.

Al prossimo post.


La Propoli:Origine ed Impiego


giovedì 23 maggio 2013

Finalmente "Sfarfallata"

Oggi 22.05.2012 con  un giorno e mezzo di ritardo (comprensibile vds temperature autunnali) è nsfarfallata  la principessina, non riescoa fotografarla   si muove come "speedy Gonzales" e velocisima e date le mie scarse capacità fotografiche vi  mostro  la cella  vuota.

Spero tra una settimana  (il tempo della fecondazione - temperatura e pioggia permettendo)  di poterla immortalare

lunedì 20 maggio 2013

Una nuova linea

Dopo aver ricevuto le analisi morfometriche dal CRA Api Bologna - ( in cui viene evidenziato l'alta rispondenza di tipicità alle caratteristiche morfometriche  descritte per "Apis mellifera ligustica" ) ho deciso di rinnovare una nuova linea.
La madre  che era in osservazione da 4 anni - mi ha dato molte soddisfazioni per:

. rusticità;
. produzione;
. igiene;
. svernamento
. longevità e resistenza alle malattie.

Oggi ho inserito le celle mature (al nono giorno dall'innesto)  in un foglio cereo lavorato che a sua volta è stato posto   in un nucleo di fecondazione da 5 telai Dadant.

Ho Preferito  questo tipo di nucleo  (oggi ) date le temperature ancora "freschette" -  cosicchè allo sfarfallamento la vergine avra' piu' damigelle per accudirla..


Al prossimo post allegherò la foto della nuova regina di linea  e le analisi morfometriche.

lunedì 8 aprile 2013

Risveglio


20-03-2013
L'atteso risveglio è arrivato - pareggiate tutte le famiglie  ho controllato le scorte sono ancora abbondanti,  preparati i nutritori a depressione per dar lo sprint iniziale alle madri - userò una miscela  con rapporto 2:1 (zucchero/acqua) con aggiunta di un po' di polline (mio)  disidratato e polverizzato.

Ho anche iniziato a preparare il cassone ed i nuclei di
fecondazione - 

Speriamo nell'apertrura della stagione per far partire le regine.
Mio padre dice sempre che: " La stagione migliore e sempre quella che deve venire"

mercoledì 13 marzo 2013

Il colore dei fogli

Che bello il colore di questi fogli - polline miele e propoli  durante il loro connubio hanno dato origine a questa diversificazione di colore - sebbene della stessa colata-

sabato 12 gennaio 2013

Inverno appena arrivato

E' appena arrivato l'inverno!

le api sembrano essere iun primavera

giorno 28.12.2012

Il mio apiario di selezione madri

Sembra impossibile  ho guardato le bottinatrici entrano con piccole scorte di polline giallo/verde